Dove non batte il sole

Carmelo Sardo

Dove non batte il sole

Secondo premio Narrativa edita XXXIX edizione del "Premio Città di Cava de’ Tirreni " anno 2023

Descrizione

A Rammusa, una cittadina della Sicilia barocca dove la mafia non spara e non ammazza più da anni, vengono assassinati marito e moglie nella loro gioielleria. Si pensa a una rapina finita male, ma il magistrato che indaga sospetta del figlio della coppia, Stefano Macrì, studente universitario di 27 anni. Per il giovane comincia un atroce calvario. Confidava nello Stato per avere giustizia per i suoi genitori, invece è costretto a liberarsi di un’accusa infamante. Per farlo, Stefano è tentato di cedere a logiche e dinamiche che ha sempre eticamente respinto. Sa che anche nella Sicilia dei giorni nostri, ci sono uomini potenti che contano ancora, che non fanno più la guerra allo Stato ma vogliono che niente e nessuno possa insidiare la tranquillità raggiunta. Don Tano Culella è uno di questi. Al boss quello che è accaduto non è piaciuto e anche lui vuole capire chi abbia osato fare una cosa simile nel suo paese. Quando viene a sapere che il principale sospettato è Stefano, capisce che qualcosa non quadra. Conosce quel ragazzo da quando era un bambino, abitano nello stesso palazzo. Fatalmente, i destini di don Tano e di Stefano si incroceranno, perché hanno lo stesso obiettivo: la ricerca della verità.

Un romanzo civile e di impegno sociale che affronta ed elabora temi di scottante attualità del sistema penale italiano che contempla il fine pena mai: una pena di morte in vita.

L'Autore

Dove non batte il sole

Carmelo Sardo, giornalista, siciliano di Agrigento, vive e lavora a Roma. Ha esordito nella narrativa con Vento di tramontana (Mondadori, 2010). Malerba (Mondadori, 2014), scritto insieme al detenuto ergastolano Giuseppe Grassonelli, ha vinto il prestigioso premio Leonardo Sciascia ed è stato pubblicato in Francia, Germania, Spagna e Giappone. Dal libro è stato tratto il docufilm Ero Malerba, con la regia di Toni Trupia, ed è stato avviato il progetto per la trasposizione cinematografica.
Nel 2016 esce con Mondadori, Per una madre.

Leggi l'incipit

La mattina di primavera insolitamente livida quando uccisero suo padre e sua madre, Stefano Macrì era perso nel sonno beato e pesante di chi ha mangiato e bevuto tanto. La sera prima aveva festeggiato la baldanza dei ventisette anni in un locale giù al mare, con Fulvia, la fidanzata, per una volta senza litigare, ma con la stanchezza dell’abitudine di un rapporto che si trascinava dai tempi della scuola media. Aveva fatto molto tardi e per questo non sentiva il telefono che alle nove meno un quarto vibrava sul comodino accanto al letto, nella piccola mansarda dove si era trasferito da qualche mese, all’ultimo piano di uno dei più bei palazzi barocchi di Rammusa, sopra l’appartamento dei suoi genitori. Li aveva convinti a prendergli in affitto quella specie di abbaino, per poter studiare meglio: questo almeno diceva; ma in realtà, oltre a preparare gli esami di giurisprudenza, aveva bisogno di ritagliarsi un po’ di indipendenza. E di intimità.

Dormiva stravaccato a pancia sotto, con le braccia aperte che sembrava un Cristo in croce, e quelle gambe lunghe e secche allargate una a levante, l’altra a ponente, e i piedi quarantaquattro che gli penzolavano oltre il materasso. Lenzuolo e coperta erano scivolati per terra, come sempre. Il telefonino non lo aveva sentito, ma il citofono che dieci minuti dopo suonava impetuoso lo svegliò di soprassalto e lo costrinse ad abbandonare un sogno che faceva spesso, di una lontana fanciullezza…


Torna ai libri